Web Marketing? No, grazie! Ho appena preso uno stagista

Capita spesso, soprattutto tra colleghi, di ricevere richieste di recensioni, scambi di libri e cortesie varie. Esiste un’etichetta di buon senso e buon gusto che ti porta a non rifiutare mai questi inviti. Anche perché intanto, da buoni divoratori di libri, averne uno in più in casa, non guasta mai, ma poi è pur sempre pubblicità. Quella che gli addetti chiamano buzz, o viralizzazione… o chiamiamola come vogliamo, è pur sempre promozione a basso costo. Alla fine chi si è visto si è visto.

Web Marketing? No Grazie.

Il titolo di Mazzù però mi aveva già colpito, tanto da finire in quella lista dei desiderati di Amazon che un giorno o l’altro scoppierà per troppo spazio occupato. Mazzù è uomo di settore, ferratissimo e questo titolo non lo stavo capendo molto. Ne parliamo bene o no di questo web marketing…? E soprattutto Alessandro… che mi ci metti dentro a fare uno stagista?
Non che non servano, ma non sono davvero il valore aggiunto di un’azienda. Non sempre. In un mondo che viaggia di corsa e con la passione che molti ci mettono, crescere uno stagista è oggi quasi un costo più che un guadagno. Dato in pasto poi, al team digital di un’azienda, può essere davvero pericoloso.

Ho appena preso (uno stagista) un abbaglio!

Ebbene si. Alessandro mi ha fregato! Il libro era chiaramente ironico, intriso di perle di saggezza esposte come romantiche frasi del mondo digitale.
Mazzù apre il gas e vola a tutta birra in un libro che si legge da solo. Fantastico per forma, idea, concetti. Non posso dire di condividere al 100% tutti i punti, ma non resta mai quel fastidio che a volte si trova quando trovi cose che non sposi completamente.

Il libro mi è piaciuto. Marketing, web, social media. Tanti ingredienti insieme. Tante riflessioni e soprattutto tante cose piacevoli, che non ti fanno mai pesare questo che per quanto sembri semplice, è comunque un lavoro difficile.

Bravo Mazzù.

Lo trovate su Amazon.