Google+ la marcia in più per fare marketing

Di Arianna Previdi – Social Media Manager di Stampaprint S.r.l.

I social network, con circa due miliardi di utenti attivi mensilmente, sono diventati un potente strumento da utilizzare nelle campagne di marketing. Sebbene parlando di social i primi nomi che vengono in mente sono l’intramontabile Facebook, il celebre Instagram e Twitter, il social dei brevi “cinguettii”, ce n’è un altro da non sottovalutare: Google Plus. La piattaforma del motore di ricerca più famoso al mondo è nata nel 2011, con lo scopo di condividere contenuti di qualità e che offrano agli utenti un valore aggiunto indipendentemente dalla forma dell’elemento pubblicato (video, fotografie o testi). Questa funzione è sottolineata dal follow unidirezionale: è infatti l’utente a scegliere quali pagine sono di suo interesse e quindi quali intende seguire. Vediamo insieme quali sono i principali benefici che l’impiego di Google+ può portare a un’azienda che decide di sfruttarlo per fare social media marketing.

Il primo vantaggio consiste nell’integrazione del social con gli altri servizi della Big G. E’ noto infatti che gran parte della reputazione online dipende dall’idea che Google si fa dell’impresa. Un’esempio pratico di interazione tra la piattaforma sociale e le altre attività è l’indicizzazione delle fotografie su Google Images: ciò permette la rapida condivisione e diffusione in rete degli elementi visivi pubblicati nella piattaforma sociale. Parlando di contenuti visual, è importante sottolineare che Google Plus dà molta importanza a tutto ciò che riguarda il mondo delle immagini. Dalla possibilità di modificarle con effetti speciali all’opportunità di vedere in modo approfondito i dettagli di uno scatto grazie alla funzione di zoom, passando per la capacità di mostrare tutti i dati di una particolare istantanea. Ma le fotografie non sono l’unico elemento che interagisce con altri servizi di Google: l’indirizzo dell’attività viene utilizzato, ad esempio, da Google Maps, permettendo così agli utenti di trovarlo e raggiungerlo con facilità.

Questo ci porta al secondo punto: il profilo aziendale. Proprio perché, come detto in precedenza, è l’utente stesso a scegliere quali pagine seguire, è di importanza basilare creare un profilo chiaro. Come? Basterà inserire una breve descrizione del core­business, il link alla homepage del sito web dell’azienda, l’indirizzo (che verrà usato da Google Maps) e una bella immagine copertina, a cui è riservato uno spazio notevole nel profilo. E’ consigliabile spendere del tempo per compilare il proprio profilo, poiché questa pagina sarà il biglietto da visita dell’azienda e dovrà pertanto convincere gli utenti a seguire le nostre attività sul social network.

Altra caratteristica distintiva di Google Plus sono gli Hangouts, alla lettera “luoghi di ritrovo”. Grazie a questa utile funzione è possibile organizzare videochiamate e videoconferenze di massimo dieci persone. Attraverso questo strumento è dunque possibile condividere contenuti di diversa entità (immagini, video, documenti) con più persone contemporaneamente. Lo spazio ideale per dare vita a eventi online per presentare i prodotti del nostro brand agli utenti (possibili clienti e non) o per restare in contatto con collaboratori che esercitano fuori sede.

Ultimo aspetto di valore di Google Plus sono le community, che, in questo social network, prendono il nome di cerchie. Al pari delle vere e proprie community si tratta di spazi virtuali in cui utenti accomunati da qualche interesse si riuniscono per scambiarsi idee, pareri e opinioni a tal proposito. Le cerchie possono essere pubbliche o private: nel nostro caso è bene lasciarle pubbliche, così da permettere a un maggior numero di utenti di accedervi. Le cerchie vengono suddivise in categorie in base alle tematiche che trattano: sport, lavoro, hobby, eccetera. Per un’azienda è bene creare più cerchie per permettere che un numero maggiore di user venga a conoscenza ed entri in contatto con l’impresa.

Questi sono solo alcuni esempi di come l’impiego di Google Plus possa rappresentare un vantaggio extra per le attività di marketing aziendale. Non resta che iniziare a usarlo per scoprire in prima persona quali altri benefici può portare alla promozione online di un’impresa.

 

Arianna Previdi è Social Media Manager di Stampaprint S.r.l., azienda leader in Italia nel settore della stampa online. Dopo una carriera nel print marketing, Arianna ha studiato le dinamiche del search engine marketing per approfondire le molteplici opportunità di un loro utilizzo congiunto.